Iscriviti alla nostra newsletter

La funzione OUT (Out of Scope): con o senza scheda tachigrafica inserita? Facciamo il punto

mer 12 giugno 2019

La funzione OUT (Out of Scope) è uno degli argomenti più dibattuti durante i corsi di formazione e tra i quesiti più frequenti che ci vengono posti dai nostri lettori. Per questo motivo questa settimana proponiamo un approfondimento completo sulla guida in aree private con esempi pratici e suggerimenti operativi.

 

Cos’è la funzione OUT OF SCOPE?

Tecnicamente, l’OUT OF SCOPE (OUT) è una funzione prevista nel tachigrafo digitale, utilizzata per segnalare quando si effettuano trasporti al di fuori del campo di applicazione della normativa 561/06. 

 

Come viene interpretata a livello normativo?

A livello normativo la funzione out viene trattata nel punto 14 della circolare congiunta Prot. 17598 del 22 luglio 2011.

La circolare cita quanto segue:

Circolazione di veicoli in aree private e computo delle attività diverse dalla guida:

“…La circolazione di veicoli in aree private è sottratta all'ambito di applicazione delle disposizioni del Regolamento (CE) 561/2006.

Perciò, ad esempio, l'attività svolta dal conducente di un veicolo tenuto al rispetto delle predette disposizioni all'interno di un cantiere o di una cava è esclusa dal computo dell'attività di guida giornaliera.

Tuttavia, poiché questa attività impegna il conducente in un lavoro che non gli consente di godere liberamente del proprio tempo, la stessa non può comunque essere considerata come riposo giornaliero o settimanale”.

Dalla normativa si evince quindi che le attività guida svolte dal conducente all’interno di un’area privata (in generale) possono essere “scomputate” dal totale di guida giornaliero, MA queste non vanno considerate come PAUSA bensì “lavoro” o più comunemente “impegno”.

 

Che vantaggi comporta quindi la funzione OUT per i conducenti?

Il vantaggio della funzione OUT è che l’attività di guida svolta dal conducente in aree private (o cave o cantieri) è esclusa dal conteggio dell’attività di guida giornaliera.

Quindi, se un conducente entra all’interno di un’azienda, attiva manualmente sul tachigrafo la funzione OUT e svolge 15 minuti di guida, questi minuti andranno sottratti dal totale di guida compiuta durante la giornata.

Per semplicità: se l’attività di guida giornaliera non supera mai le 9 ore la funzione out of scope è inutile.

 

Ma quindi l’OUT va a ridurre l’impegno giornaliero del conducente? Posso considerarlo pausa? Assolutamente NO!

I minuti di guida in area privata, esclusi dal conteggio giornaliero, non sono da considerarsi come pausa bensì come lavoro.

Quindi è importante ricordare che l’attività di guida svolta in OUT non va a ridurre l’impegno giornaliero del conducente ma è parte integrante dell’attività lavorativa del conducente.

 

La funzione OUT OF SCOPE va utilizzata con o senza scheda tachigrafica?

La funzione OUT può essere attivata e utilizzata sia con la scheda del conducente inserita sia senza scheda inserita, cioè dipende dal soggetto che ha la disponibilità del veicolo:

  • Se a bordo del veicolo è alla guida il conducente del mezzo, l’attività in OUT deve essere eseguita con la scheda inserita nel tachigrafo.
  • Se durante l’attività in area privata alla guida c’è una persona diversa dal conducente, come un caricatore, un addetto cantiere/terminal, un tecnico dell’officina, ecc. allora è possibile muovere il veicolo senza carta tachigrafica.

In questa maniera sul display comparirà il messaggio di “guida senza scheda” ma sarà giustificato dal fatto che quest’ultima è effettuata in area privata in funzione OUT OF SCOPE .

 

Alcuni esempi della funzione OUT

ESEMPIO 1 - OUT con scheda inserita

1. Il conducente entra in un’azienda dove effettuerà personalmente l’attività di carico e scarico della merce trasportata

2. Appena entra nel piazzale dell’azienda attiva manualmente la funzione OUT

3. Compie attività di lavoro per 40 minuti e attività di guida per 20 minuti per un totale di 1 ora

4. Esce dall’azienda e disattiva manualmente la funzione OUT

5. A fine giornata spegne il mezzo e ha compiuto un totale di 9 ore e 10 minuti di guida.

6. Dal totale di guida giornaliera vanno scorporati i 25 minuti di guida compiuti in OUT, per un totale di guida di 8 ore 55 minuti.


 

ESEMPIO 2 - OUT con scheda non inserita

1. Il conducente entra nell’area privata di un’azienda dove lascerà il mezzo ad un addetto specializzato per il carico.

2. Il conducente estrae la carta tachigrafica e attiva la funzione OUT.

3. L’addetto prende in consegna il mezzo e guida in OUT senza scheda.

4. Il conducente assiste l’addetto a terra nelle attività di carico.

5. Concluse le attività di carico l’addetto riconsegna il mezzo al conducente il quale inserisce la scheda tachigrafica e giustifica manualmente l’attività come lavoro. La funzione Out si disattiva in automatico una volta inserita la scheda tachigrafica

6. Il conducente esce dall’area privata controllando che la funzione OUT si sia disattivata correttamente.

In questo caso non viene escluso nessun minuto di guida dal conteggio delle ore di guida giornaliere in quanto la guida in out è stata compiuta senza scheda tachigrafica.


 

ESEMPIO 3 - OUT con scheda non inserita

1. Il conducente entra nell’area privata di un’azienda dove lascerà il mezzo ad un addetto specializzato per il carico.

2. Il conducente estrae la carta tachigrafica e attiva la funzione OUT.

3. L’addetto prende in consegna il mezzo e guida in OUT senza scheda.

4. Il conducente non assiste nelle attività di scarico ma compie la pausa in un’area adeguata.

5. Concluse le attività di carico l’addetto riconsegna il mezzo al conducente il quale inserisce la scheda tachigrafica e giustifica manualmente l’attività come riposo. La funzione Out si disattiva in automatico una volta inserita la scheda tachigrafica

6. Il conducente esce dall’area privata controllando che la funzione OUT si sia disattivata correttamente.

In questo caso non viene escluso nessun minuto di guida dal conteggio delle ore di guida giornaliere in quanto la guida in out è stata compiuta senza scheda tachigrafica.

 

Come inserire la funzione OUT?

La funzione OUT va inserita manualmente dal conducente entrando nel menu del tachigrafo.

Leggi il nostro articolo di approfondimento dove spieghiamo passo per passo la corretta procedura sia per il tachigrafo VDO che Stoneridge.

 

Posso utilizzare la funzione OUT anche con il disco (fogli di registrazione)?

Certo che sì.

Ci sono due modalità distinte per giustificare correttamente la funzione OUT con i dischi tachigrafici.

Per consultare le due procedure complete leggi il nostro articolo di approfondimento:

 

Importanti avvertenze sull’utilizzo della funzione OUT

1. Tutte le volte che viene inserita o estratta la carta tachigrafica mentre è attiva la funzione OUT, la funzione si disattiva automaticamente e deve essere reimpostata manualmente.

2. La scheda del conducente ha un limite di memoria. Se la tipologia di trasporto comporta un utilizzo frequente della funzione OUT le informazioni dell’OUT meno recenti dopo un certo numero vengono sovrascritte dalle funzioni OUT più recenti. Questo limite di memoria può comportare diversi disagi per il conducente soprattutto nel caso di controllo su strada in cui non tutti gli OUT sarebbero visibili perché ormai sovrascritti da quelli più recenti. La soluzione è fare la stampa delle 24h del conducente finito il proprio turno. Questa stampa va conservata a bordo per almeno 28 giorni e mostrata agli organi di controllo.

3. Non utilizzare la funzione OUT su strade regolari (a meno che il veicolo non sia esente dalla normativa 561/06) in quanto, se fermati su strada, la funzione OUT potrebbe essere contesta e annullata e i minuti di guida non esclusi dal conteggio giornaliero.

4. Non utilizzare la funzione OUT senza la scheda inserita su strade regolari (a meno che il veicolo non sia esente dalla normativa 561/06 es scuolabus VEDI ARTICOLO) in quanto, se fermati su strada, la funzione OUT potrebbe esser contesta e annullata. La guida diventerebbe di conseguenza una guida senza scheda con sanzione grave: Art. 179 CdS - € 868 / 10 punti / Sospensione patente da 15 giorni a 3 mesi.

 

ALLEGATI

Circolare congiunta p.to 14 - vedi

 


Scarica PDF

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. Va bene Voglio saperne di più