Iscriviti alla nostra newsletter

Dopo 6 ore di lavoro è obbligatorio fare una pausa?

mer 07 novembre 2018

Questa settimana cerchiamo di fare un po’ di chiarezza su un argomento che crea sempre tantissimi dubbi.

La tipica domanda che ci viene rivolta durante la formazione è “se parto alle 6 di mattina alle 12 mi devo fermare giusto? Cioè dopo 6 ore?”.

L’orario di lavoro dei conducenti (definiti dalla normativa “lavoratori mobili”), che operano nel settore del trasporto stradale di cose e persone, sia conto terzi che proprio è disciplinato dal D.LGS 234/2007 il quale ha recepito la direttiva 2002/15/CE.

Art. 3 D.LGS 234/2007 “DEFINIZIONE DI ORARIO DI LAVORO”

Orario di lavoro: ogni periodo compreso fra l'inizio e la fine del lavoro durante il quale il lavoratore mobile è sul posto di lavoro, a disposizione del datore di lavoro ed esercita le sue funzioni o attività.

Ma quali sono queste attività? Cosa è compreso e cosa non è compreso nell’orario di lavoro?

ORARIO DI LAVORO

COMPRENDE

NON COMPRENDE

Attività di guida

Pause (interruzioni dalla guida 45 min o 15+30)

Altre operazioni di Autotrasporto:

- Carico Scarico

- salita/discesa passeggeri

- sorveglianza carico/scarico

Riposo giornaliero o settimanale

Altre operazioni

Riposi intermedi e giornalieri (almeno 3 ore continuative durante la giornata)

Operazioni di Sicurezza

Tempi di disponibilità

Formalità amministrative (es doganali)

 

 

L’Art 5 del regolamento definisce i “Riposi Intermedi”

Riposi intermedi

1. Ferma restando la tutela prevista dal regolamento (CE) n. 561/06 ovvero, in difetto, dall'accordo AETR,

le persone che effettuano operazioni mobili di autotrasporto, non possono lavorare in nessun caso per più

di sei ore consecutive senza un riposo intermedio. L'orario di lavoro deve essere interrotto da riposi

intermedi di almeno trenta minuti se il totale delle ore di lavoro è compreso fra sei e nove ore, di almeno

quarantacinque minuti se supera le nove ore.

2. I riposi intermedi possono essere suddivisi in periodi non inferiori a quindici minuti ciascuno.

In definitiva se il conducente svolge la propria attività di guida ed effettua le dovute pause nell’arco delle sei ore al termine non è obbligato a fare una pausa di 30 minuti.

Se le sei ore comprendono invece solo guida e lavoro allora al termine è obbligatorio fare una pausa di almeno 30 min.

La disciplina del D.lgs. 234/2007 non si sovrappone al regolamento 561/06; tutti gli aspetti disciplinati dal regolamento stesso concorrono o in alcuni casi prevalgono sulle analoghe disposizioni del D.LGS 234/2007.

 

ALLEGATI

Decreto 234/07 - vedi

 

© TachConsulting - Riproduzione riservata


Scarica PDF

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. Va bene Voglio saperne di più