Iscriviti alla nostra newsletter

In multipresenza si possono fare 15 ore di impegno o è obbligatorio farne 21?

mer 17 marzo 2021

Questa settimana il nostro formatore risponde al quesito di due conducenti che hanno effettuato per la prima volta un viaggio in multipresenza ma che non prevedeva una lunga tratta. Come comportarsi quindi in questo caso?

Iniziamo a rispondere al quesito partendo da la definizione di multipresenza.

 

Che cos’è la multipresenza?

Secondo l’art.  4 del REG. 561/06:

“…si parla di multipresenza quando, durante un periodo di guida compreso fra due periodi di riposo giornaliero consecutivi o fra un periodo di riposo giornaliero e un periodo di riposo settimanale, ci sono a bordo del veicolo almeno due conducentiPer la prima ora di multipresenza la presenza di un secondo conducente è facoltativa, ma per il resto del periodo è obbligatoria;”

Quindi la multipresenza è caratterizzata dal fatto che a bordo del veicolo ci sono contemporaneamente 2 conducenti e questa condizione deve permanere per tutto il tragitto/viaggio.

 

In caso di multipresenza come vanno gestite le schede tachigrafiche?

Affinché sia considerata “multipresenza” entrambe le carte dei conducenti devono essere inserite nel tachigrafo, nello specifico nella SLOT 1 la carta del conducente che guida e nella SLOT 2 il conducente che siede a lato passeggero.

Quando i conducenti si scambiano alla guida del veicolo, le carte vanno invertite?

Si la carta del conducente che effettua l’attività di guida deve essere SEMPRE inserita nella SLOT 1.

Che vantaggi ci sono in caso di multipresenza?

In caso di guida in multipresenza l’arco di tempo entro il quale è obbligatorio iniziare un riposo giornaliero si amplia e passa da 24 a 30 ore con conseguente aumento dell’impegno giornaliero fino ad un massimo di 21 ore.

 

I conducenti possono quindi fare anche “solo” 15 o 13 ore di impegno anche in multipresenza?

Si, il fatto che a bordo del veicolo ci siano due conducenti, permette di effettuare un riposo entro un periodo di tempo più ampio (30 ore al posto di 24) ma non vie alcun obbligo nel doverlo utilizzare tutto.

I due conducenti infatti possono arrivare fino ad un massimo di 21 ore di impegno ma nulla vieta di poter terminare la propria giornata allo scadere delle 15 ore.

Di seguito riportiamo due esempi che mostrano come sia possibbile guidare in multipresenza sia fino ad un impegno di 21 ore in un arco di 30 ore, sia fino ad un impegno di 15 ore in un arco di 24 ore.

 

Allegati

Circolare guida in multipresenza

 

Altri articoli che ti potrebbero interessare

In caso di multipresenza, nel momento del cambio alla guida vanno invertite anche le schede?

Come utilizzare il tachigrafo in caso di guida con doppio autista?

 

© TachConsulting - Riproduzione riservata

 

 


Scarica PDF

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. Va bene Voglio saperne di più