Iscriviti alla nostra newsletter

Ho effettuato una pausa di almeno 15 minuti prima di iniziare la guida può essere considerata valida?

mer 22 settembre 2021

Questa settimana rispondiamo al quesito di un conducente che analizzando i propri dati ha trovato un’infrazione per eccesso di guida continua (superamento 4:30 di guida) e vorrebbe avere un chiarimento.

Partiamo con un po’ di ripasso.

 

Che cosa si intende per “periodo di guida”?

Art. 4 lett. q) REG. 561/06 definisce il periodo di guida come: “il periodo complessivo di guida che intercorre tra il momento in cui un conducente comincia a guidare dopo un periodo di riposo o un'interruzione fino al periodo di riposo o interruzione successivi. Il periodo di guida può essere ininterrotto o frammentato”.

 

Che cos’è il tempo di guida?

L’art. 4 lett. j del Reg. 561/06 definisce il tempo di guida come “la durata dell'attività di guida registrata: automaticamente o semi-automaticamente dall'apparecchio di controllo come definito all'allegato I e all'allegato IB del regolamento (CEE) n. 3821/85; o manualmente come richiesto dall'articolo 16, paragrafo 2, del regolamento (CEE) n. 3821/85”.

Il tempo di guida effettivo è quindi da considerarsi con veicolo in movimento.

 

Come viene definita l’interruzione (pausa) dal regolamento?

L’art 4 lett. d) Reg. 561/06 definisce «interruzione» (pausa): ogni periodo in cui il conducente non può guidare o svolgere altre mansioni e che serve unicamente al suo riposo”

 

In che modo devono essere effettuate le interruzioni?

Art. 7 Reg. 561/06 stabilisce che:

“Dopo un periodo di guida di quattro ore e mezza, il conducente osserva un'interruzione di almeno 45 minuti consecutivi, a meno che non inizi un periodo di riposo.

Questa interruzione può essere sostituita da un'interruzione di almeno 15 minuti, seguita da un'interruzione di almeno 30 minuti: le due interruzioni sono intercalate nel periodo di guida in modo da assicurare l'osservanza delle disposizioni di cui al primo comma.”

 

Come si può notare, il regolamento indica QUANTE pause devo effettuare MA NON QUANDO (ad eccezione della pausa dopo 4 ore e 30 continuate).

L’unica cosa che si deve ricordare è la sequenza delle pause.

 

Arriviamo alla richiesta del nostro conducente. Riportiamo qui di seguito la sua stampata

Nel caso dell’esempio riportato qui sopra il conducente ha svolto la prima pausa di almeno 15 minuti (16 minuti) prima dell’inizio dell’attività di guida e di conseguenza non può essere considerata come pausa utile.

Le due successive pause di 00:31 (1a pausa) e 1:19 (2a pausa) invece vengono considerate corrette e interrompono il periodo di guida.

Sommando tutte le attività di guida fino alla seconda pausa però risulta che il conducente ha guidato in modo continuativo per 6:36 ore di guida eccedendo così le 4:30 ore previste dal Reg. 561/06.

In sintesi, le pause sono considerate valide solo quando sono “intercalate” nel periodo di guida.

La pausa infatti, ai fini dell’interruzione del periodo di guida, deve essere effettuata dopo l’inizio della guida, anche dopo solo un minuto.

 

Quali sanzioni sono previste in caso di pause sbagliate?

Art. 174 c. 8 del Codice della Strada

Euro 168,00 (fascia notturna: euro 224,00) e due 2 punti (CQC).

 

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Articoli sulle pause alla guida

 

 

© TachConsulting - Riproduzione riservata

 

 

 


ARGOMENTI TRATTATI

Scarica PDF

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. Va bene Voglio saperne di più