Iscriviti alla nostra newsletter

È possibile effettuare 7 turni di guida in 6 giorni di lavoro?

mer 30 giugno 2021

Questa settimana diamo la parola al nostro formatore, che prova a chiarire un dubbio che molti conducenti hanno in merito ai turni di guida settimanali.

Partiamo dalla nostra regola generale.

Il Reg 561/06 riporta indicazioni in merito a:

  •  tempi massimi di guida (quanto al massimo posso guidare)
  •  tempi minimi di riposo (quanto almeno devo riposare)

Il “quando” e “come” dipende dall’organizzazione dell’attività dell’azienda.

Per rispondere al quesito che ci ha posto il conducente è importante richiamare una serie di definizioni che ci permetteranno, con il ragionamento, di arrivare alla risposta.

 

Che cosa si intende per settimana?

L’art 4 lett. i) REG. 561/06 definisce la settimana come “il periodo di tempo compreso tra le 00.00 di lunedì e le ore 24.00 della domenica”.

 

Che cosa si intende per “periodo di guida”?

Art. 4 lett. q) REG. 561/06 definisce il periodo di guida come: “il periodo complessivo di guida che intercorre tra il momento in cui un conducente comincia a guidare dopo un periodo di riposo o un'interruzione fino al periodo di riposo o interruzione successivi. Il periodo di guida può essere ininterrotto o frammentato”.

 

Che cosa si intende per “periodo di guida giornaliero”?

L’art. 4 lett. k) REG. 561/06 definisce il periodo di guida giornaliero come: “il periodo complessivo di guida tra il termine di un periodo di riposo giornaliero e l'inizio del periodo di riposo giornaliero seguente o tra un periodo di riposo giornaliero e un periodo di riposo settimanale”.

 

Che cosa si intende per periodo di riposo giornaliero?

Art 4 lett. g) REG. 561/06 definisce il periodo di riposo giornaliero come: “il periodo giornaliero durante il quale il conducente può disporre liberamente del suo tempo e comprende sia il «periodo di riposo giornaliero regolare» sia il «periodo di riposo giornaliero ridotto»”.

 

Quali tipi di riposo giornaliero sono previsti?

Riposo giornaliero Regolare: ogni tempo di riposo ininterrotto di almeno 11 ore.

Riposo giornaliero Regolare “frazionato”: il riposo giornaliero regolare può essere preso in due periodi, il primo dei quali deve essere di almeno 3 ore senza interruzione e il secondo di almeno 9 ore senza interruzione.

Riposo giornaliero ridotto (massimo 3 volte a settimana): ogni tempo di riposo ininterrotto di almeno 9 ore, ma inferiore a 11 ore.

 

 

Come va effettuato il riposo giornaliero?

L’art. 8 comma 2 del REG. 561/06 indica che: “I conducenti devono aver effettuato un nuovo periodo di riposo giornaliero nell'arco di 24 ore dal termine del precedente periodo di riposo giornaliero o settimanale.

Se la parte di periodo di riposo giornaliero effettuata entro le previste 24 ore è di almeno 9 ore ma inferiore a 11, tale periodo di riposo è considerato un riposo giornaliero ridotto”.

In altri termini, nel caso in cui ci siano almeno 9 ore di riposo, queste possono essere considerate come un riposo giornaliero ridotto. Una volta terminate le 9 ore di riposo, il conducente potrebbe ripartire con un nuovo “turno” o “impegno” nella stessa giornata “solare”.

Quando va effettuato il riposo settimanale?

L’art. 8 comma 6 indica che:

Nel corso di due settimane consecutive i conducenti effettuano almeno:
a) due periodi di riposo settimanale regolari (45 ore);

oppure

b) un periodo di riposo settimanale regolare e un periodo di riposo settimanale ridotto, di almeno 24 ore.

Il periodo di riposo settimanale comincia al più tardi dopo sei periodi di 24 ore dal termine del precedente periodo di riposo settimanale.

 

Questa ultima frase è molto importante in quanto ci indica che dal momento in cui il conducente inizia la prima attività settimanale (ad esempio lunedì mattina ore 05:00) può svolgere:

6 periodi di 24 ore = 144 ore di tempo, terminate le quali è obbligatorio effettuare un riposo settimanale.

 

Fatta quindi questa lunga premessa, torniamo alla nostra domanda iniziale: il conducente può effettuare 7 periodi di guida in 6 giorni?

La risposta è sì, perché dal momento in cui il conducente inizia la sua prima attività lavorativa della settimana ha a disposizione 144 ore di tempo per iniziare un nuovo riposo settimanale,

In queste 144 ore quindi è possibile svolgere:

  • Massimo 56 ore di guida settimanali;
  • Riposi giornalieri regolari di 11 ore;
  • Massimo 3 riposi giornalieri da almeno 9 ore;
  • Oppure riposi giornalieri regolare frazionati da 3 ore + 9 ore.

Sul regolamento non si fa menzione del numero di periodi di guida.

Riportiamo di seguito un esempio (non esaustivo) di 7 periodi di guida in 6 periodi di 24 ore.

 

 

 

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Articoli sul riposo giornaliero e l’impegno

 

© TachConsulting - Riproduzione riservata

 

 

 


Scarica PDF

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. Va bene Voglio saperne di più